ACQUA

Pubblicato il 22 gennaio 2024 12:38

Devo usare acqua decantata per le mie piante? Acqua osmotica? Acqua demineralizzata? Acqua distillata? Acqua ossigenata?

Fermi tutti e facciamo chiarezza!

È possibile usare acqua del rubinetto per irrigare le proprie piante: si corregge il pH a seconda del tipo di coltivazione scelta, e ovviamente della fase in cui sono le piante. Se però l'EC (ossia la conducibilità elettrica - misura la concentrazione di sali disciolti) supera lo 0,5 dovremmo usare alcune accortezze che vedremo in seguito per abbassarlo. L'EC di partenza ideale è di 0,2.

Si può far decantare l'acqua di rubinetto (almeno 24h) per due motivi:
- acqua calcarea: il calcare si deposita sul fondo, quindi dopo aver fatto decantare l'acqua bisogna prestare attenzione a non prendere quella vicino al fondo del recipiente (per non raccogliere il calcare). È necessario usare un recipiente adatto, una bottiglia ad esempio è sconsigliata per questo scopo;
- far evaporare il cloro: troppo cloro per le piante è nocivo.

L'acqua depurata con filtro ad osmosi inversa è sempre la scelta migliore. È particolarmente adatta a chi coltiva in idroponica. È essenziale per chi lavora a livello professionale. È necessaria per chi ha un EC dell'acqua del rubinetto troppo alto.

Vediamo i suoi vantaggi:
- rimuove sostanze chimiche potenzialmente tossiche (come ad esempio metalli pesanti, cloro) o i parassiti pericolosi
- consente una concimazione perfettamente bilanciata
protegge i microrganismi benefici del suolo
- evita il blocco di nutrienti.

Un filtro ad osmosi ha prezzi accessibili considerando i benefici che comporta. Essendo l'acqua un elemento fondamentale per le nostre amate piante, è un investimento che vale la pena affrontare. Ne esistono di diversi tipi, ecco la nostra selezione:

Passiamo all'acqua distillata: questa, come l'acqua demineralizzata, è totalmente priva di minerali, il che può essere controproducente. Se utilizzi dei fertilizzanti davvero completi (quindi non i soliti NPK) e vuoi avere il controllo totale della nutrizione delle tue piante la potresti usare. Non è pratica ed è anche costosa.
Nel caso di EC troppo alto, si può mischiare acqua di rubinetto ed acqua distillata, ma non è detto che sia conveniente economicamente rispetto ad altre soluzioni, come appunto un filtro per l'acqua osmotica.
Piccola precisazione, la differenza tra acqua demineralizzata e distillata è il fatto che quella distillata è sterilizzata, quindi più pura.

Per quanto riguarda l'acqua ossigenata, questa come sai è un disinfettante, e ovviamente non si usa per irrigare, ma ci sono alcuni utilizzi utili anche per le piante. Ad esempio quando si fa germinare un seme direttamente in acqua, si può mettere qualche goccia di acqua ossigenata.
Si può utilizzare anche per esempio per creare un insetticida "fai da te", che sconsiglio in caso di infestazioni gravi, ma può essere d'aiuto se usato come primo intervento. In ogni caso prima di utilizzarla, bisogna essere sicuri che non interferisca con i fertilizzanti usati.

Per quanto riguarda la coltivazione outdoor, è possibile usare acqua piovana e del pozzo, sarebbe importante analizzare  sia il terreno che l'acqua utilizzata per vedere se ci sono eventuali correzioni da fare.

Ecco gli strumenti utili per misurare pH ed EC dell'acqua e della tua soluzione nutritiva:

E qui gli strumenti per misurare pH ed EC del substrato:

Ovviamente il discorso sull'acqua sarebbe molto più ampio e da approfondire. In questo articolo ho voluto semplificare molto e limitarmi a scrivere indicazioni pratiche al fine dell'irrigazione.

Se vi è una magia su questo pianeta, è contenuta nell’acqua.

(Loren Eiseley)

Buona irrigazione!